AVVISO ALL’UTENZA

Il Consiglio Direttivo di So.Crem Siena decide di riaprire i suoi locali al pubblico, con i consueti orari e sempre nel rispetto delle vigenti normative in materia di contenimento del virus Covid 19.
Puoi venire a trovarci il martedì dalle ore 9,30 alle ore 12.00 e il giovedì dalle ore 15,30 alle ore 19.00.

Questa polvere quieta fu signori e fu dame
E giovani e fanciulle,
Fu riso, arte e sospiro
E bei vestiti e riccioli.
E questo inerte luogo fu la dimora estiva
Dove api e fiori
Il loro ciclo orientale compirono,
Poi anch’essi ebbero fine.

Emily Dickinson

COMUNICATO STAMPA

(a proposito del forno crematorio e non solo)

La stampa di queste ultime setimane riporta la protesta di un Comitato di cittadini  che parla per conto di 160 firmatari di una petizione rivolta al Comue  contro la realizzazione del nuovo forno crematorio al cimitero del Laterino.  Noi, con modestia, rappresentiamo, alla data di oggi 734  soci e socie che hanno scelto il rito della cremazione e a loro dobbiamo rispondere. Ma ci interessano anche i cittadini e le cittadine i cui familiari, come per i nostri soci – nel momento in cui serve la maggiore sensibilità nei confronti del lutto per le persone care –  non trovano rispondenza nelle strutture e nei servizi cimiteriali del Comune di Siena.

in  questi due anni e mezzo – tanti ne sono passati dal momento in cui sarebbero dovuti iniziare i lavori previsti nel  capitolato d’appalto con il quale a suo tempo furono  assegnati alla ditta S.I.L.V.E i servizi cimiteriali del Comune di Siena – abbiamo sempre sollecitato il Comune per gli adempimenti che le competono. Per correttezza di informazione, sarebbe giusto che i cittadini e le cittadine –  i soci e le socie della SO.CREM  sono informati – sapessero che quel capitolato d’appalto comprende anche altre strutture e servizi come i nuovi bagni, degni di questo nome e in luogo facilmente accessibile, la sala del commiato annessa al nuovo forno crematorio, il giardino delle rose o della rimembranza come lo vogliamo chiamare;  la costruzione di nuove cellette per la conservazione delle ceneri, da mesi esaurite (con disagi inimmaginabili), la costruzione di loculi anch’essi esauriti. Per 160 persone che hanno firmato la petizione di protesta, tutto questo è fermo da oltre due anni. Ai  160 firmatari e ai loro sostenitori a cui  ultimamente si è aggiunto il Prof. Focardi,  chiediamo:  in base a quale riscontro scientifico e misurazioni da parte degli organi competenti vi siete assunti e continuate ad assumervi la responsabilità di impedire la realizzazione di tutto questo?  Dite di difendere la salute di chi frequenta il Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente, i bambini dell’asilo in San Marco (ex Policarpo Bandini), gli abitanti della colonna di San Marco,  gli ospiti dell’albergo Athena e chi più ne ha più ne metta.  Bene! Poiché pensiamo che gli ingegneri della S.I.L.V.E non siano degli sprovveduti, e quelli del Comune non siano degli irresponsabili, si saranno sicuramente  assicurati fin dall’inizio della progettazione dei lavori di  garantire la salute dei cittadini e delle cittadine. Pertanto ricordiamo alla dott.ssa Pugliese, assessora ai lavori pubblici e all’ing. Ceccotti, dirigente del servizio tecnico del Comune quanto ci  è stato assicurato nell’incontro congiunto con una nostra delegazione alla fine del mese di luglio scorso.

 Da Loro ci aspettiamo il rispetto degli impegni che  la Giunta del Comune ha deliberato ormai sei mesi fa.

Mentre esprimiamo il nostro rammarico per la insensibilità umana e civica, la SO.CREM rinnova il suo impegno affinché sia realizzato, senza ulteriori rinvii, il forno crematorio e gli altri servizi prima ricordati.

F.to il Consiglio Direttivo SO.CREM Senese – lì 17 dicembre 2020

INIZIO DEI LAVORI!

l Consiglio Direttivo della SO.CREM comunica che dopo l’impegno costante durato due anni per sollecitare la realizzazione del nuovo forno crematorio e le altre strutture previste nel progjet, finalmente, al cimitero comunale del Laterino sono iniziati i lavori per la installazione del nuovo forno crematorio.

Ora si attende che partano i lavori anche per le altre strutture: servizi igienici per i visitatori del cimitero, costruzione di cellette per conservazione ceneri, giardino delle rose, etc.

Il Consiglio ringrazia tutti i socie e le socie dell’Associazione che ci hanno dato la forza di condurre questa lunga battagla. Ringrazia inoltre con affetto la presidente nazionale della FIC (federazione italiana cremazione) Dott.ssa Linda Natalini per il sostegno e il contributo concreto che ci ha dato per sostenere una giusta causa al servizio dei cittadini e delle cittadine.

La SOCIETA’ PER LA CREMAZIONE di Siena è un’associazione a cui aderiscono circa 800 soci, residenti nel capoluogo e in tutta la provincia. La componente femminile e quella maschile sono pressoché ugualmente rappresentate fin dalla costituzione. La nostra Società ha personalità giuridica privata, è Associazione di Promozione Sociale ai sensi della Legge 383/2000 e fin dalle origini ha avuto caratteristiche di volontariato. Le cariche direttive si rinnovano ogni tre anni.
La Cremazione è oggi, senza preclusioni di carattere religioso né connotazioni ideologiche, una civile pratica che afferma la supremazia dello spirito sulla materia. E’ una scelta razionale ed ecologica che difende la terra, l’acqua e l’aria. Una scelta di progresso: ultimo dono alla vita di chi ama la vita. Il motto prescelto dalla Federazione Nazionale, a cui aderiscono 41 Società per la Cremazione sparse su tutto il territorio nazionale, per un totale di circa 140.000 iscritti, è: LASCIAMO LA TERRA AI VIVI, un messaggio di grande attualità che riflette l’universalità del nostro rito nel rispetto della vita e della dignità della persona umana.

Per scegliere la Cremazione occorre dichiarare la propria volontà: diventando soci della Società per la Cremazione, che provvederà a tutelare legalmente questa scelta; oppure in un atto notarile; oppure ai parenti che, congiuntamente, dovranno certificarla in un’istanza da presentare al Comune di decesso.

La nostra storia
Il Tempio
Maggiori informazioni

I nostri servizi
Gli orari di segreteria
I costi di affiliazione

Applicazione della Legge sul Testamento Biologico – Atti

Presso la nostra sede, nei giorni di apertura, è possibile ritirare la pubblicazione degli atti dell’ultimo convegno sull’applicazione della legge sul Testamento Biologico.

NEWS & EVENTI

I video della Giornata della Cremazione

Scopri di più cliccando su uno dei tre video. 
Per una migliore visione puoi visualizzare il filmato a tutto schermo premendo il tasto “f” da PC/MAC oppure cliccando sull’iconcina “[ ]” da cellulare

UNA SCELTA LIBERA

Il diritto di disporre delle proprie spoglie mortali rientra nei diritti inalienabili della persona, che sono riconosciuti ad ogni individuo.
La Chiesa Cattolica consente ai suoi fedeli la Cremazione fin dal 1963.
La Chiesa Valdese e le altre Chiese Cristiane Evangeliche sono favorevoli a questo rito.

La cremazione è un servizio pubblico individuale a domanda dei cittadini, le cui tariffe massime sono stabilite dal Ministero dell’Interno.
La media regionale toscana per la scelta cremazionista raggiunge il 9%.

COME SCEGLIERE LA CREMAZIONE

Dichiarando la propria volontà attraverso una delle seguenti modalità:

  • Iscrizione alla So.Crem, che provvederà a tutelare legalmente questa scelta al momento del decesso;
  • Disposizione testamentaria;
  • Comunicazione ai parenti, che dovranno certificarla con istanza da presentare al Comune al momento del decesso.

IMPORTANTE: depositare la propria volontà di essere cremati presso operatori del settore funerario non ha valenza legale.

PERCHÉ ISCRIVERSI ALLA SO.CREM

Perché è una scelta di libertà che garantisce l’esecuzione della volontà espressa in vita.
Perché con l’iscrizione (quota di ammissione e tessera annuale) la Società per la Cremazione di Siena offre numerosi SERVIZI GRATUITI (forniti presso il Cimitero del Laterino).

La destinazione del 5×1000 e le erogazioni liberali effettuate a mezzo c/c postale o bancario, carta di credito o assegno alla SO.CREM sono oneri detraibili IRPEF.